Seguici su

Mercoledì, 14 Dicembre 2011 09:28

L'augurio e la benedizione di don Sasà per la festa dell'Adesione

Scritto da 

Carissimi amici, immagino – mentre vi scrivo – di…vedervi impegnati, come sempre, a definire gli “ultimi preparativi” per la grande “festa dell’adesione” che, ancora una volta, ci vedrà - in comunione di amicizia e di preghiera, dai più piccoli ai più grandi -  l’otto dicembre prossimo, sotto lo sguardo tenero e benedicente di Maria, custoditi dall’abbraccio della Chiesa!E’ bellissimo –credetemi!- contemplare, sia pur con gli occhi del cuore,l’immagine di chiesa che voi tutti – in questo giorno solenne, in modo particolare – offrite, a voi stessi, a noi vostri amici preti, alle vostre famiglie, a tutto il popolo di Dio!Mi sembra di…cogliere, quasi “ a pelle”, l’entusiasmo degli accierrini che…colorano di gioia contagiosa e disarmante la nostra associazione: a voi, carissimi ragazzi, ai vostri “infaticabili” educatori desidero inviare un bacio grande ed un augurio carico di luce e di serenità; vi affido, tutti e ciascuno, alla nostra Mamma celeste e Le chiedo di non smettere mai di accarezzare i vostri volti, di “coccolare” il vostro piccolo grande cuore, di aiutarvi a credere fino in fondo che… “ l’ACR è il più meglio che c’è” ..(ve lo ricordate questo canto, no?), e, per questo, ad impegnarvi a costruire un’associazione sempre più bella, sempre più viva e vivace, sempre più pulita..!

Ai giovanissimi – che, da sempre, sono la “benzina” della nostra associazione! -  vorrei consegnare il compito di ricordare a noi tutti (a cominciare dai loro splendidi responsabili, che saluto ed abbraccio, con simpatia e gratitudine, per il servizio delicato che rendono!) che l’AC è…una splendida opportunità per diventare grandi, per imparare a conoscersi ed a volersi bene, per lasciarsi prender per mano da un Gesùfortissimo che…non si scandalizza mai dei suoi “ragazzi” ma che, anzi, li attende, sempre, con pazienza e fiducia, pronto a…convocarli nel suo fantastico team (la Chiesa), un team … da “serie A” ! Auguri, carissimi giovanissimi e msacchini: assieme a voi sogno un’AC dove ogni vostro, nostro, amico si senta a casa e di casa! Coraggio: c’è un mondo bello che vi aspetta e…l’AC vi aiuterà a trovare, in esso, il vostro posto!

A voi, amici giovani, sento il bisogno di dire che desidero trasmettervi stima, fiducia, rispetto, gratitudine…! Si, cari fratelli: vorrei che non dubitaste mai che la chiesa – e l’AC – nutrono, per voi in particolare, tantissima stima, rispetto, fiducia, gratitudine! Conosco bene le vostre inquietudini e…vorrei esservi accanto per sussurrarvi parole di speranza e di coraggio; ma so, anche, l’infinita “portata” del vostro cuore; so che siete capaci di “cose grandi”; so che l’AC (e la chiesa) sarebbero terribilmente povere senza di voi! Grazie, allora, per la bellezza e la problematicità della vostra presenza in associazione! Grazie per l’esempio di servizio che rendete (penso ai tantissimi giovani impegnati nel servizio in ACR, agli amici della FUCI, a quanti danno la loro disponibilità nei vari settori della pastorale parrocchiale, soprattutto in quelli di ispirazione caritativa!); grazie perché non vi accontentate “di poco”; perché ci “costringete” a pensare a dei percorsi formativi di alto profilo e di spessore, perché…”volete vedere Gesù”, perché…volete vederlo nella Chiesa, ma anche tra la gente! A voi, ai vostri animatori (sentinelle vigili di speranza e custodi della vostra gioia): tanti cari auguri!

Ai carissimi adulti, poi, (compresi gli amici dei Movimenti di ambiente) consegno la “fatica” (che comprendo e condivido) di essere – in AC, come nella chiesa e nella vita di ogni giorno – il “roveto che arde ma non si consuma” e..che incuriosisce il giovane Mosè “attirandolo” verso Dio. Noi “grandi” sappiamo di rappresentare l’icona credibile di una chiesa amica dell’uomo, esperta in comunione e premurosa nelladiakonia; per questo, noi per primi, dobbiamo “gareggiare nello stimarci a vicenda”; dobbiamo offrire la nostra vita per i nostri figli (e per tutti quei …figli che sperimentano momenti bui di solitudine, di disperazione, di sconforto, di dubbio,  di rabbia) senza riservare qualcosa per noi; per questo dobbiamo prenderci cura della nostra vita e…educare alla vita buona del Vangelo! Auguri, amici adulti! A voi, a tutti i Presidenti parrocchiali ed ai vostri animatori (che saluto con affetto) ricordo che l’associazione vi guarda con sguardo di simpatia e di emulazione: siatene santamente orgogliosi e…non stancatevi di dare il buon esempio!

Permettetemi, infine, di abbracciare con immenso affetto gli amici della Presidenza e del Consiglio Diocesano; a voi, fratelli carissimi – in particolare ad Ornella, infaticabile e preziosissima Presidente! – desidero esprimere un grazie davvero grande: è il “grazie del cuore”, il grazie dell’Amore Trinitario, il grazie della Chiesa, del nostro amato Padre Arcivescovo, che segue con “contagiosa paternità” l’AC della nostra Diocesi, di tutto il Collegio Assistenti..! E’, anche, il mio grazie: soprattutto in questo anno (così carico, per me, di…novità, sorprese e fatiche!) mi siete di insostituibile sostegno e conforto! A voi, fratelli carissimi del Centro Diocesano, un augurio del tutto speciale: il Signore vi ricompensi per il bene che fate alla sua Chiesa attraverso il vostro servizio in AC! Siatene certi: vi vogliamo bene!

Auguri a tutti: buona “festa dell’Adesione”!

La Vergine Immacolata vi custodisca e vi sorrida, sempre!

Vi benedico, con tutto il mio cuore!

d. Sasà